FABEER

09/01/2020

Praga, Berlino, Perpignan: european experience con FABEER

Giornata formativa pre-partenza per i 12 allievi delle classi quarte dei corsi di ristorazione di IAL Saronno, Galdus Milano e IAL Legnano che tra domani e domenica raggiungeranno Praga, Berlino e Perpignan per le sei settimane di stage nell’ambito del progetto europeo FABEER, Food and beverage - European experience requested.Guidati dagli operatori di Uniser - cooperativa sociale che offre servizi per la mobilità formativa di cui si avvale IAL Lombardia, capofila del progetto FABEER, per il coordinamento e i rapporti con i partner europei – i giovani hanno conosciuto i tutor italiani che li accompagneranno a destinazione e che rimarranno con loro i primi giorni fino alla presa in carico dei tutor locali, hanno preso visione delle realtà lavorative che li ospiteranno con informazioni generali sul contesto di destinazione (cultura, lingua, usi, abitudini, ecc.) e su una serie di casistiche della vita quotidiana all’estero.FINE SETTIMANA DI PARTENZEI primi partire saranno, il 10 gennaio per Perpignan, Oumaima dello IAL Saronno, Reymart e Fieme di Galdus; l'11 sarà la volta di Simona di IAL Legnano, con Andrea, Isabella, Jacopo e Riccardo dello IAL Saronno, che andranno a Berlino (nella fotografia con Dora Bettiga di IAL Gravedona, la tutor che li accompagnerà dall'Italia); domenica, destinazione Praga, partiranno Daniel e Daniele di Galdus con Viola e Gaya di IAL Saronno.FABEER è un progetto europeo biennale nell’ambito di Erasmus+ che ha già offerto ad oltre 60 giovani dei corsi di formazione professionale dei quattro partner italiani che l’hanno promosso – oltre a IAL Lombardia, Cnos-Fap Milano, Galdus Milano e Ipseec Olivetti di Monza – l’opportunità di un’esperienza all’estero.

FABEER

10/12/2019

Così è nato il programma Erasmus

In 8 partono oggi alla volta di Darry; altri 6 prenderanno il volo domani per Saragozza; in 14 partiranno invece a metà gennaio con destinazione Berlino, Praga e Perpignan. Il progetto FABEER - Food and beverage european experience requested, promosso da IAL Lombardia (capofila) con Galdus, Cnos-Fap e Ipssec Olivetti, si arricchisce di nuove esperienze.Per tutti i giovani, allievi del quarto anno dei corsi di formazione professionale nel settore della ristorazione, lo stage è di sei settimane in ristoranti, catene alberghiere, bar e pasticcerie di media e alta fascia.Dall''avvio del progetto sono 78 le partenze di studenti lombardi nell’ambito di FABEER, un percorso cofinanziato da Erasmus Plus, il programma dell’Unione europea per l’istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport 2014-2020.Sofia Corradi, “mamma Erasmus”Erasmus è ormai per tutti sinonimo di studio all’estero. In realtà è molto di più, come lo stesso FABEER dimostra. E a ribadirlo è Sofia Corradi, la donna che nel 1987 inventò Erasmus, intervistata dal mensile “Città Nuova”.Lo scopo principale del programma - racconta - “non è l’apprendimento delle lingue estere e non è riservato agli studenti di livello eccellente, ma è per tutti, anche per gli studenti normali e con poche risorse economiche”. E non si prefigge l’idea di offrire all’estero insegnanti migliori di quelli che gli studenti hanno in casa. Perché non si va in Erasmus unicamente per migliorare la propria specializzazione, ma per diventare persone migliori.

FABEER

07/01/2019

FABEER, nuove partenze. Destinazione Berlino, Praga e Siviglia

Berlino, Siviglia, Praga. Vigilia di nuove partenze per il progetto FABEER - Food and beverage - European experience requested - promosso da IAL Lombardia (capofila), Galdus, Cnos-Fap e Ipssec Olivetti. Dieci i giovani che dopodomani, giovedì, raggiungeranno la capitale tedesca, mentre cinque voleranno nel cuore della Repubblica Ceca; altri cinque partiranno sabato alla volta della capitale dell’Andalusia.Sono maggiorenni, frequentano il quarto anno dei corsi di formazione professionale nel settore della ristorazione di GALDUS e di IAL Lombardia – sedi di Saronno (Va), Legnano (Mi), Viadana (Mn) – e sono stati scelti sia in base alla preparazione che alle motivazioni che hanno espresso nella candidatura per prendere parte al progetto. Per tutti quella di oggi è stata un’intensa mattinata formativa dedicata alla messa a punto degli aspetti pratici dell’esperienza che si preparano a vivere: hanno incontrato e conosciuto i tutor che li accompagneranno dall’Italia e che staranno con loro nei primi giorni all’estero, hanno avuto informazioni sui tutor locali che saranno i loro punti di riferimento nelle sei settimane del progetto e scoperto le realtà aziendali (ristoranti, catene alberghiere, pasticceria di media e alta fascia) che li ospiteranno per lo stage.FABEER è un progetto biennale di internazionalizzare dei tirocini curriculari che coinvolgerà complessivamente 100 giovani lombardi offrendo loro un’opportunità di alternanza scuola-lavoro all’estero che arricchirà quel bagaglio di conoscenze e di esperienze sempre più necessarie per il mondo del lavoro di oggi e di domani.QUI tutte le fotografie della mattinata formativa

FABEER

29/12/2018

Con il "Roscon de Reyes" gli auguri dal progetto FABEER

Gli auguri per questo periodo di festa arrivano anche da Saragozza con una foto del "Roscon de Reyes", tipico dolce spagnolo che si mangia soprattutto il giorno dell'Epifania. Si tratta di una morbida ciambella con frutta candita che Matteo ha preparato nel laboratorio di pasticceria in cui sta facendo sei settimane di alternanza scuola-lavoro nell’ambito del progetto europeo FABEER.Matteo, che ha compiuto diciotto anni lo scorso novembre, è uno dei 5 giovani che vivono questa esperienza in Spagna (altri 5 la stanno facendo in Slovenia, a Maribor), percorso che a Capodanno arriva al giro di boa.FABEER è un progetto di internazionalizzare dei tirocini curriculari nei percorsi di istruzione e formazione professionale per il settore ristorazione [QUI tutti i particolari] promosso da IAL Lombardia (capofila), Galdus, Cnos-Fap e Ipssec Olivetti.La fase di inserimento è stata positivamente superata da tutti i giovani coinvolti ed il lavoro nelle strutture che ospitano gli stage è occasione per mettere a frutto conoscenze, impararne di nuove, confrontarsi, crescere.Nell'arco di due anni FABEER porterà 100 giovani delle scuole di formazione professionale che sono partner del progetto a vivere un'esperienza di apprendimento-lavoro in catene alberghiere, ristoranti di alta e media fascia in Spagna (Siviglia e Saragozza), Francia (Perpignan), Slovenia (Maribor), Repubblica Ceca (Praga), Regno Unito (Derry City - Irlanda del Nord), Germania (Berlino) e Cipro (Paphos).Altre foto sono pubblicate nell'Album immagini del sito e nella pagina Facebook FABEER

FABEER

05/12/2018

Dalla Lombardia all'Europa

Alternanza scuola-lavoro all’estero? Si può e rappresenta una straordinaria possibilità per gli studenti. Lo dimostra il progetto FABEER (Food and beverage - European experience requested) che coinvolgerà 100 giovani maggiorenni iscritti al quarto anno della formazione professionale nel settore della ristorazione presso IAL Lombardia, CNOS-FAP, GALDUS, Ipseec. "Adriano Olivetti" di Monza; i quattro partner, insieme all’Associazione IMove, si sono aggiudicati uno dei cinque Erasmus+ finanziati in Regione Lombardia, che ottiene oltre il 20% dei progetti approvati nel 2018 su questa linea di finanziamento.Gli studenti si stanno preparando per andare in diversi Paesi: Spagna (20%); Francia (10%); Germania (20%); Slovenia (10%); Repubblica Ceca (10%); Cipro (20%); Regno Unito (10%).Paesi stranieri e destinazioni aziendali di eccellenza: i ragazzi in partenza in questi giorni lavoreranno presso l’Olympic Lagoon Resort Paphos a Cipro, l’Eurostars Hotels di Siviglia, il Das di Maribor, Novodabo e l’Elforo 98 a Saragozza.Non solo lavoro, ma anche integrazione e inclusione sociale: il 20% degli studenti in partenza ha fragilità cognitive, il 15% cittadinanza non italiana. “FABEER – ha dichiarato Matteo Berlanda, Amministratore delegato di IAL Lombardia srl Impresa Sociale - rappresenta una entusiasmante opportunità sia per i giovani, sia per gli enti partner IAL, CNOS-FAP, GALDUS, OLIVETTI per creare un polo lombardo della mobilità nel settore della ristorazione e per rafforzare, anche nelle esperienze internazionali, il dialogo tra la formazione professionale e l’istruzione. È un primo passo: a questo progetto biennale andrà data continuità e anche estensione, in prospettiva, organizzando l’accoglienza nella nostra regione di allievi provenienti dall’estero”.Diego Montrone, Presidente della scuola professionale Galdus, ha aggiunto: “Le aziende italiane, anche le più piccole, hanno sempre più a che fare con il mercato europeo ed estero in genere. Per questo gli interlocutori della formazione professionale lombarda stanno rafforzando le opportunità e le esperienze lavorative e formative all’estero dei giovani al fine di dar loro maggiori strumenti per confrontarsi con gli adulti e il mondo del lavoro”. “FABEER. è un progetto che capitalizza le esperienze precedentemente svolte da CNOS-FAP e le sviluppa nel settore ristorazione – ha affermato Franco Pozzi Direttore generale di Cnos-Fap Lombardia – segno che gli enti della formazione lombarda sanno condividere buone prassi e su queste costruire percorsi per migliorare costantemente la competitività dei loro studenti”.Tina Quaranta, Docente e referente alternanza scuola lavoro Ipssec Olivetti, ha aggiunto che “la formazione professionale e l’istruzione possono reciprocamente arricchirsi, l’una attraverso l’apporto teorico, l’altra attraverso la sua grande capacità di relazione con le imprese”.Mirko Dolzadelli, segretario di Cisl Lombardia, realtà che insieme a Confartigianato Lombardia e Confcommercio di Varese sostiene il progetto FABEER, ha sottolineato “il ruolo delle parti sociali nel sistema delle relazioni tra Regione e istituzioni dell’istruzione e della formazione professionale, un ruolo in cui esperienza e conoscenza delle dinamiche del mercato del lavoro possono contribuire a collegare percorsi formativi e sbocchi occupazionali, con particolare attenzione ai giovani e alle persone maggiormente svantaggiate”.In conclusione Gianni Bocchieri, Direttore Centrale Istruzione Formazione Lavoro, ha espresso l’apprezzamento con cui Regione Lombardia valuta l’iniziativa presentata: “FABEER è una iniziativa di internazionalizzazione dei percorsi di studio aggiuntiva a quelle già proficuamente promosse dalla Regione, che garantisce un ampliamento delle esperienze internazionali per gli allievi e favorisce la convergenza delle opportunità degli allievi dei corsi di Istruzione e Formazione Professionale e degli istituti scolastici statali. Regione Lombardia rileva in particolar modo il valore “di sistema” di iniziative allargate a partnership articolate e potrà valutare, per le prossime scadenze progettuali, di affiancare gli enti quale partner istituzionale.