FORMAZIONE

BRESCIA

A Brescia un corso per la gestione delle biblioteche 2.0

Il percorso formativo più articolato e completo esistente in italia

Corso per bibliotecario di biblioteche 2.0. E’ il titolo della proposta formativa dalla sede di Brescia di IAL Lomabrdia che prenderà il via a metà novembre per terminare a settembre del 2020. Un lungo e impegnativo percorso con 550 ore di teoria, 200 di stage nelle strutture della Rete Bibliotecaria Bresciana e Cremonese, 50 di visite di studio.

20 il numero massimo di partecipanti a cui è richiesto il diploma di scuola media superiore. C’è ancora qualche posto disponibile: le iscrizioni vanno fatte entro il 4 novembre.


PORTALI SULLA CONOSCENZA

Ma perché 2.0? “Perché le biblioteche sono luoghi tecnologicamente avanzati - risponde Pietro Bisinella, docente e coordinatore del corso - e alle competenze di base ne vanno aggiunte di più specifiche”. I bibliotecari infatti sono oggi gestori di veri e propri portali sulla conoscenza, attraverso cataloghi e servizi informatizzati, documenti digitali, accessi alla rete, libri elettronici, network sociali.


COSTI DIMEZZATI GRAZIE ALLA PROVINCIA

Il corso è stato progettato in partnership da IAL Lombardia e Provincia di Brescia; grazie al contributo economico dell’ente pubblico l’onere a carico dei corsisti è stato dimezzato: 1.000 euro con la possibilità di suddividere il pagamento in due rate.


UN "ATTESTATO DI COMPETENZE" IMMEDIATAMENTE SPENDIBILE

Quello della sede di Brescia di IAL Lombardia è il corso per bibliotecari più articolato e più completo esistente in Italia, a conferma di una tradizione formativa nel settore davvero significativa: gran parte dei bibliotecari della Rete Bibliotecaria Bresciana e Cremonese è nata infatti professionalmente con i corsi dello IAL che rilasciano un “attestato di competenze” secondo gli standard definiti da Regione Lombardia per l’accesso alla professione di bibliotecario.

Il nostro obiettivo - continua Bisinella - è formare persone che alla fine del corso siano in grado di gestire una biblioteca dall’A alla Z. Per questo quasi tutti i docenti vengono dal mondo del lavoro, per dare concretezza alla parte accademica del corso, che è indispensabile ma non esaustiva”.


Per informazioni e contatti: 030 2893 811

ott 2019

29