SCUOLA

BRESCIA

Ave va in pensione

La bella eredità della bibliotecaria dello IAL di Brescia

Brescia è tra le sedi di IAL Lombardia che quest’oggi hanno ripreso l’attività. Tutti nuovamente al lavoro, con una sola assenza, più che giustificata ma non per questo meno avvertita. Poco prima della pausa estiva è arrivato infatti il tempo della pensione per la bibliotecaria, Ave Malgaretti (al centro nella foto): nello svolgimento del suo servizio ha accompagnato negli anni la formazione di tanti, tantissimi assistenti sociali, educatori professionali e bibliotecari.

In un post della pagina Facebook di IAL Brescia, il direttore Giuseppe Comini ha voluto ringraziarla pubblicamente: “Per il tuo lavoro, per essere stata la nostra bibliotecaria, la nostra rappresentante sindacale, la consigliera di libri e bibliografie per le migliaia di studenti e studentesse”.


UNA BIBLIOTECA IN RETE

Appassionata, competente e determinata, Ave Malgaretti ha contribuito a fare della Biblioteca scolastica IAL un nodo attivo della Rete Bibliotecaria Bresciana e Cremonese, insieme di 270 “strutture che oltre ai tradizionali bisogni culturali e informativi - si legge nel documento di indirizzo della Rete - favoriscono la socializzazione attraverso la costante relazione con il territorio e con gli altri servizi alla persona”. Per la Biblioteca IAL Brescia questo è stato possibile anche grazie alla generosa e intelligente disponibilità di Ave Malgaretti che ha generato innumerevoli connessioni culturali.

Citando una famosa affermazione di Claudio Abbado (“La cultura è un bene primario come l’acqua; i teatri, le biblioteche e i cinema sono come tanti acquedotti"), i colleghi l’hanno salutata con un affettuoso “Ci mancherai come l'acqua!”.


Nella foto, Ave Malgaretti con i giovani diplomati del corso 2018 per Operatori turistici



ago 2019

26