ATTUALITÀ

COMO - GRAVEDONA - LEGNANO - MORBEGNO - SARONNO

Consulenza e formazione IAL per lo smart working

Regione Lombardia ha messo a disposizione delle aziende 4,5 milioni di euro a fondo perduto

Il blocco delle attività produttive determinato dall’emergenza sanitaria che stiamo vivendo, ha portato allo scoperto una rivoluzione - culturale prima che tecnologica - da prendere molto più seriamente di quanto sia stato fatto fino a ieri. Lo smart working è improvvisamente passato dalla categoria organizzativa delle opportunità a quella delle necessità, accelerando percorsi di trasformazione della prassi operativa delle aziende e modalità di vivere il lavoro, ma anche facendo emergere nuovi bisogni formativi.

Smart working, infatti, non è semplicemente una modalità di lavoro svincolata dal luogo e dagli orari, ma un percorso che interpella sia la disponibilità e il coinvolgimento di chi lavora che la capacità dell’impresa di farne elemento di ridefinizione della cultura aziendale.


Consulenza e formazione IAL

IAL Lombardia mette a disposizione la sua esperienza nei servizi all’impresa anche per questo specifico caso, fornendo consulenza e formazione per l’adozione di un piano di smart working  e l’accesso ai finanziamenti a fondo perduto previsti da un apposito bando di Regione Lombardia: per i datori di lavoro con almeno 3 dipendenti sono state accantonate risorse che complessivamente ammontano a 4,5 milioni di euro.

Il bando è antecedente allo scoppio dell’emergenza sanitaria del Covid-19 - spiega Ileana Soana, responsabile dell’Area Nord-Ovest di IAL Lombardia che comprende le sedi di Saronno, Legnano, Gravedona, Como e Morbegno - ma è stato modificato proprio in ragione dei bisogni determinati dai provvedimenti di riduzione della mobilità e di distanziamento sociale, consentendo la partecipazione anche ai datori di lavoro che hanno introdotto lo smart working per i propri dipendenti a partire dal 25 febbraio 2020”.


Flessibilità e benessere

Scopo dell’avviso pubblico, scrive Regione Lombardia, è quello di consentire una maggiore flessibilità per quanto riguarda il luogo e i tempi di lavoro, incrementare la produttività e aumentare il benessere di lavoratori e lavoratrici.

“In questa prima fase abbiamo promosso il bando e la consulenza di IAL Lombardia in stretta collaborazione con qualche Fim Cisl territoriale e abbiamo registrato l'interesse da parte di quindici realtà aziendali per le quali stiamo predisponendo i progetti operativi necessari; ora - conclude Matteo Berlanda, Amministratore Delegato di IAL Lombardia - l'interesse si sta velocemente diffondendo tra le aziende di tutta la regione e coinvolge anche altri settori produttivi: è un segnale chiaro di un bisogno e un interesse reali per la transizione verso modelli e processi organizzativi, e pertanto ci auguriamo che Regione Lombardia possa e sappia approfittare dell'occasione per accompagnare tutte le aziende richiedenti in questo percorso di innovazione”.


Info e Contatti

IAL Saronno 02 9670 2399

IAL Legnano 0331 4280 11

IAL Como 031 3371 769

IAL Gravedona 0344 89208

IAL Morbegno 0342 1856602

e-mail promo2.areanordovest@ialombardia.it

apr 2020

01