Trova il tuo corso ideale

1 / 5

corsi in partenza

corsi in programmazione

ATTUALITÀ

01/04/2020

Consulenza e formazione IAL per lo smart working

Il blocco delle attività produttive determinato dall’emergenza sanitaria che stiamo vivendo, ha portato allo scoperto una rivoluzione - culturale prima che tecnologica - da prendere molto più seriamente di quanto sia stato fatto fino a ieri. Lo smart working è improvvisamente passato dalla categoria organizzativa delle opportunità a quella delle necessità, accelerando percorsi di trasformazione della prassi operativa delle aziende e modalità di vivere il lavoro, ma anche facendo emergere nuovi bisogni formativi.Smart working, infatti, non è semplicemente una modalità di lavoro svincolata dal luogo e dagli orari, ma un percorso che interpella sia la disponibilità e il coinvolgimento di chi lavora che la capacità dell’impresa di farne elemento di ridefinizione della cultura aziendale.Consulenza e formazione IALIAL Lombardia mette a disposizione la sua esperienza nei servizi all’impresa anche per questo specifico caso, fornendo consulenza e formazione per l’adozione di un piano di smart working  e l’accesso ai finanziamenti a fondo perduto previsti da un apposito bando di Regione Lombardia: per i datori di lavoro con almeno 3 dipendenti sono state accantonate risorse che complessivamente ammontano a 4,5 milioni di euro.“Il bando è antecedente allo scoppio dell’emergenza sanitaria del Covid-19 - spiega Ileana Soana, responsabile dell’Area Nord-Ovest di IAL Lombardia che comprende le sedi di Saronno, Legnano, Gravedona, Como e Morbegno - ma è stato modificato proprio in ragione dei bisogni determinati dai provvedimenti di riduzione della mobilità e di distanziamento sociale, consentendo la partecipazione anche ai datori di lavoro che hanno introdotto lo smart working per i propri dipendenti a partire dal 25 febbraio 2020”.Flessibilità e benessereScopo dell’avviso pubblico, scrive Regione Lombardia, è quello di consentire una maggiore flessibilità per quanto riguarda il luogo e i tempi di lavoro, incrementare la produttività e aumentare il benessere di lavoratori e lavoratrici.“In questa prima fase abbiamo promosso il bando e la consulenza di IAL Lombardia in stretta collaborazione con qualche Fim Cisl territoriale e abbiamo registrato l'interesse da parte di quindici realtà aziendali per le quali stiamo predisponendo i progetti operativi necessari; ora - conclude Matteo Berlanda, Amministratore Delegato di IAL Lombardia - l'interesse si sta velocemente diffondendo tra le aziende di tutta la regione e coinvolge anche altri settori produttivi: è un segnale chiaro di un bisogno e un interesse reali per la transizione verso modelli e processi organizzativi, e pertanto ci auguriamo che Regione Lombardia possa e sappia approfittare dell'occasione per accompagnare tutte le aziende richiedenti in questo percorso di innovazione”.Info e ContattiIAL Saronno 02 9670 2399IAL Legnano 0331 4280 11IAL Como 031 3371 769IAL Gravedona 0344 89208IAL Morbegno 0342 1856602e-mail promo2.areanordovest@ialombardia.it

SCUOLA

30/03/2020

Oggi è la scuola che viene da te!

“Noi ci siamo, non siete soli. Perché è vero, siamo i vostri professori, ma siamo anche i vostri compagni di viaggio”. È uno dei messaggi dei docenti delle sedi di Cremona e Viadana di IAL Lombardia raccolti in un video che racconta la scuola al tempo del Coronavirus, quella della didattica a distanza.Le abitudini di tante giornate cominciate più o meno sempre allo stesso modo sono cambiate radicalmente per tutti. Di questi tempi la mia cattedra è il tavolo da cucina - dice un docente - perché è la scuola che viene da noi professori, e tutti insieme noi professori portiamo la scuola a casa di ognuno dei nostri allievi.Ci interessa vedere il vostro sguardo - aggiunge una sua collega rivolgendosi agli studenti - che è la cosa che ci manca e che ci interessa di più, perché guardandovi in faccia si capisce molto, ma molto, ma molto di più di quello che voi pensate.Sullo schermo si alternano i pensieri di tutto il corpo docente: “Non voglio che ci perdiamo: ecco perché facciamo didattica a distanza!”; “Ci videoincontriamo per fare matematica, inglese e tutto il resto, ma anche per fare due chiacchiere”; “Solo insieme siamo scuola”.In coda al video anche l’inconfondibile “Ciao ragazzi!” del direttore delle due sedi IAL, Elisabetta Larini, registrato non da casa ma dall’ospedale, “dove mi stanno aiutando - dice con il solito piglio - ad uscire da una situazione un po’ difficile”, e l'invito a vivere la nuova modalità di lezione con l'impegno di sempre.L'ultima immagine del video è il logo della scuola sotto il quale scorre una scritta: “Dedicato ai ragazzi dello IAL che sono il senso del nostro lavoro”.Il video è pubblicato nel Canale Youtube di IAL Lombardia

FORMAZIONE

25/03/2020

La cucina di casa si trasforma in laboratorio

“Coinvolti e reattivi. Non pensavo che i ragazzi rispondessero così bene!”. Marco Di Salvia è uno dei docenti del corso di ristorazione della sede di Saronno di IAL Lombardia. Come i colleghi di tutti gli altri corsi, è impegnato da ormai due settimane nella didattica a distanza che caratterizza questa fase di vita della scuola.Un’esperienza che è partita quasi subito dopo la decisione della Regione di fermare l’attività scolastica a tutela della salute di studenti, docenti e personale: “IAL Saronno è attrezzata da diversi anni ormai per la didattica a distanza - racconta Andrea Caffini, che oltre ad esserne il coordinatore è anche docente di informatica - e così l’attivazione per tutti i percorsi formativi è stata del tutto naturale”.A scorrere i materiali dei corsi di ristorazione - video con spiegazione della ricetta, foto della replica dei piatti, schede e impressioni degli allievi - si ha la misura del coinvolgimento di cui parla il docente. Un esempio? La ricetta dei “saltimbocca”, ovvero, come rendere speciali delle semplici fettine di vitello cotte in padella accompagnate da un un purè di patate con sentore di agrumi.Seguendo il tutorial caricato sulla piattaforma della didattica a distanza, i ragazzi si sono messi ai fornelli di casa sbucciando, cuocendo e spadellando. Hanno poi documento il tutto inviando al docente le immagini sul loro lavoro accompagnate con qualche osservazione personale e con le impressioni della degustazione raccolte tra i familiari.Alla prova è dedicata una gallery fotografica che trovate QUI, mentre nel canale YouTube IAL Lombardia (al quale si accede anche dai video che scorrono in home page) è disponibile il tutorial di questa e di altre ricette (dal Uovo poché con asparagi e liquirizia agli Strozzapreti con pesto alla trapanese, dalle Polpettine di edamame e pecorino al Riso con fave e polvere di bresaola).

ATTUALITÀ

11/03/2020

Le sedi sono chiuse, ma noi ci siamo.

Sono giorni davvero difficili per tutti, siamo tutti preoccupati per il bene più prezioso, la salute nostra e dei nostri cari, e stiamo tutti cercando di trovare - in un contesto di decisioni ed ordinanze delle istituzioni pubbliche che cambiano ad una velocità mai vista prima - il difficile equilibrio tra le giuste preoccupazioni e il senso di responsabilità.Pur nell’emergenza, tutto il personale di IAL Lombardia avverte la responsabilità verso chi ha bisogno del nostro servizio, foss’anche solo di conforto: i ragazzi dell’obbligo formativo, cui cerchiamo di stare vicini grazie alle moderne tecnologie e con i quali stiamo sperimentando modalità innovative di formazione a distanza e le loro famiglie che vanno rassicurate; e, anche, i molti utenti dei nostri servizi al lavoro nel caso abbiano scadenze formali indifferibili.In questi giorni eccezionali la nostra impresa sociale sta organizzandosi per rispondere alle esigenze non differibili e, soprattutto, per non permettere che nessuno dei nostri utenti si senta abbandonato per il bisogno, piccolo o grande che sia, che ci ha affidato.Le nostre sedi sono chiuse al pubblico ma, per mezzo delle modalità di smartworking permesse dalle ordinanze pubbliche ed attivate in questi giorni, stiamo facendo tutto il possibile per essere comunque raggiungibili e poter fornire ad ognuno una risposta.Grazie anche alla pazienza e alla comprensione di tutti i nostri utenti, siamo certi che ne usciremo tutti migliori.Il Consiglio di Amministrazione di IAL Lombardia srl Impresa Sociale